Basilica degli Angeli e dei Martiri

Questa basilica cattolica, in piazza della Repubblica, è il luogo in cui si svolgono le cerimonie religiose ufficiali dello Stato Italiano.

La struttura è opera di una sistemazione della parte centrale delle Terme di Diocleziano, voluta da Papa Pio IV e realizzata da Michelangelo Buonarroti nel 1562.
Michelangelo, all’epoca già occupato nella Basilica di San Pietro, mantenne parte di quelli che erano i resti delle terme, senza stravolgerne l’assetto, ma donando al disegno della nascente chiesa il suo tocco geniale.
Uno degli interventi più significativi di Michelangelo riguarda la cupola:  quella che in epoca Romana era una grande apertura circolare, creata per facilitare l’entrata dell’acqua piovana nelle vasche termali, col progetto di Michelangelo diventa una splendida cupola cassettonata. 

Alla morte dell’artista fiorentino,  i lavori proseguirono con Giacomo del Duca e continuarono fino a metà del 1700, quando fu Luigi Vanvitelli a proseguire l’operato di Michelangelo.
Vanvitelli mantenne le linee sobrie e uniformi pensate da Michelangelo e si occupò del trasporto di alcune pale d’altare dalla Basilica di San Pietro.

Nel 1911 la facciata vanvitelliana venne sostituita e trasformata in una grande esedra.
La porta di destra ha come tema l’Annunciazione, e raffigura un angelo e la Vergine Maria; mentre quella di sinistra rappresenta la Resurrezione. A coronare entrambi gli ingressi ci sono le lunette che raffigurano i martiri; mentre sul lato interno sono rappresentati gli arcangeli.

Un’affascinante curiosità: il sole raggiunge il centro del pavimento nei due equinozi e solstizi, indicando precisamente il mezzogiorno a Roma.

NON ESITARE
A CONTATTARCI,
SIAMO QUI PER TE.

Per ogni tipo di informazione, esigenza o richiesta particolare saremo lieti di chiarire ogni tuo dubbio e
confrontarci insieme per soddisfare appieno le tue idee.