Basilica di Santa Sabina

Situata nel cuore di Roma, Santa Sabina è una delle più belle basiliche paleocristiane di Roma. Sorge sul colle Aventino, nel Rione Ripa e fu costruita nel V secolo sulla tomba dell’omonima Santa e per la sua originalità e bellezza è stata scelta come uno dei set del film premio Oscar “La grande bellezza”.

La chiesa di Santa Sabina è davvero caratteristica per la mancanza di una facciata: l’entrata è incorporata nell’atrio stesso.  Il tesoro più straordinario di questa basilica è costituito dal portone ligneo paleocristiano, risalente al V secolo, il quale conserva ben 18 dei pannelli lignei originali in perfette condizioni, raffiguranti episodi della Bibbia.

Nel chiostro della chiesa si trova una pianta di arancio dolce, secondo la tradizione domenicana, piantata nel 1220 da frate Domenico Guzmán, che in questa chiesa visse ed operò e del quale ancora oggi si conserva la cella, trasformata in cappella. Si racconta che Domenico avesse portato con sé un innesto di arancio dalla Spagna, sua terra d’origine, e che sia stato quindi il frate domenicano a piantare questo tipo di frutto per la prima volta in Italia.
L’arancio – visibile dalla chiesa attraverso un buco nel muro, protetto da un vetro, di fronte al portale ligneo – è considerato miracoloso perché, a distanza di secoli, ha continuato a dare frutti attraverso altri alberi rinati sull’originale ormai secco.

Agli aranci è legato anche il parco adiacente alla chiesa, dai quali prende appunto il nome.
Il parco degli aranci è un luogo da cui si gode uno dei panorami più mozzafiato di Roma, con la cupola di San Pietro esattamente al centro della terrazza, affacciata sul Tevere.

NON ESITARE
A CONTATTARCI,
SIAMO QUI PER TE.

Per ogni tipo di informazione, esigenza o richiesta particolare saremo lieti di chiarire ogni tuo dubbio e
confrontarci insieme per soddisfare appieno le tue idee.